Miti

Ho sempre avuto in uggia i miti della decadenza, cioè tutte quelle storie che parlano di un’età aurea all’inizio di un ciclo dopodiché viene una caduta subitanea o un lento declinare. Io ho sempre sperato nel progresso, preferivo una visione in cui da una cosa fatta divenga possibile fare una cosa nuova, in cui due cose fatte ne permettano magari altre due, e così di crescendo in crescendo.
È fuori discussione che certe cose funzionino proprio così. Ci sono però anche casi opposti, dato che la novità è spesso un valore a sé stante capace di entusiasmare. Quando c’è un inizio percepisco la presenza in potenza di tante opportunità, più di quelle che si realizzeranno. Ricordo la gioia della scoperta, prima ancora di conoscerne le implicazioni. Poi, una scoperta diventa abitudine, una escogitazione si trasforma in tecnica e quello che avevo inventato diventa ripetizione; non priva di utilità ma meno esaltante.
Certo la novità è un episodio di una storia più vasta e non si può dire con certezza se sia in espansione o in diminuzione.
Continuo a sperare che mi attenda qualcosa di buono, magari solo a completamento di opere che hanno avuto stagioni migliori, come la classica ciliegina sulla torta. Oppure che un pur piccolo risultato sia l’altrettanto classica goccia che, come quella di altre similitudini, sia capace di portare a conclusione l’abbattimento di quel muro che mi separa da chissà quale terra incognita di opulenza e fecondità, in cui la finora asfittica mente del sottoscritto possa espandere a dismisura i suoi polmoni.

Annunci

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Chiacchiere, Fenomenologia di me e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Miti

  1. miriam bonazzoli ha detto:

    caro Ribaldi, ma non è bello che il nuovo continui ad entusiasmarci e d’altra parte non ci basti mai? vuol dire che abbiamo (scusa, mi metto dentro anch’io anche se non costruisco e non faccio nulla di particolare) un cuore che è in continua ricerca e nulla basta mai al nostro desiderio
    P.S sono un po’ invidiosa di come sai scrivere bene……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...