Divago…

Sono convinto che sia là, proprio dietro l’angolo della mia incomprensione.
Vorrei piangere tutte lacrime necessarie a commuovermi per lasciarmi passare, tutte quelle maturate dal mio sconforto ogni volta che là, dietro quell’angolo, intuisco mostrarsi l’infinita bellezza la cui contemplazione potrebbe, chissà, guarirmi da me stesso.
Per una volta lasciarmi sprofondare nella meraviglia dell’esistenza, se solo potessi percepirla.

Ma nemmeno di queste lacrime son capace, gallina incapace di guardare senza addormentarsi.

Annunci

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Fenomenologia di me. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Divago…

  1. Miriam N Bonazzoli ha detto:

    sembra una poesia di Montale di cui ora non mi sovviene il titolo…ma appena la trovo te la mando!! un piccolissimo suggerimento: se invece di bellezza tu dicessi Bellezza, allora forse le tue lacrime finalmente potrebbero sgorgare in piena……perchè questa Bellezza la si può contemplare perfino nei meandri più reconditi di noi stessi e dei nostri fratelli…uomini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...