Mi ritorna in mente

Sentire “Mi ritorni in mente” di Lucio Battisti mi fionda indietro nel tempo nel salone usato per le ricreazioni, nell’istituto Don Gnocchi di Inverigo, aperto in una ex villa patrizia progettata nientemeno che dal Palladio. Mi ritorna in mente il vociare, il rumore dei calcio-balilla e altri giochi, delle bottiglie (in vetro!) di CocaCola che scendevano dalle macchinette distributrici e mi rivedo, di fianco a un calcetto dove altri giocavano: mi era venuta in mente quella canzone e la canticchiai, spostandomi poi altrove mentre notavo di passaggio che avevo attaccato la canzone ai giocatori.

È stata, da allora o forse anche da prima, una mia vocazione: trasmettere musica. Alle volte, musica che ritenevo tanto importante da trovar necessario farne parte agli altri, incapace di farmi una ragione di occasionale disinteresse e convinto che potesse, da sola, risolvere tutti i problemi.

Ho sperimentato che la musica non ha nemmeno i pur deboli effetti attribuiti a un Orfeo o anche a un Dowland, ma in chi nutre la stessa mia passione continua a suscitare un magico, reciproco benessere.

Annunci

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Fenomenologia di me e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mi ritorna in mente

  1. Miriam N Bonazzoli ha detto:

    per una volta sono totalmente d’accordo con te… sull’effetto della musica!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...