Brennero

L’Austria vuole chiudersi? Fatti loro… Peccato che quasi mai i fatti di uno Stato restano entro i suoi confini, e anche in questo caso una decisione presa da uno avrà conseguenze in altri.

Mi si è rizzato il pelo addosso quando ho sentito che un poliziotto austriaco, alla conferenza stampa, avrebbe considerato la possibilità di fare controlli anche in territorio italiano. Adesso sembra che non sarà così e sicuramente la diplomazia avrà argomentato abbondantemente per evitarlo, ma mi sarebbe piaciuto sentire un Renzi, un Mattarella, dire che l’accesso di uomini in divisa a compiere operazioni di polizia sarebbe stato considerato un’aggressione militare e ogni sovrapposizione agli organismi dello Stato italiano una lesione della sovranità nazionale. Anche solo per dire: “Sposta quel camion da qui a lì”, perché ci sono forze competenti a ciò, in Italia.
Occasione perduta di piacere a tutti gli Italiani che apprezzano chi sparla di autodeterminazione, ma anche di mostrare quegli attributi che in politica estera sembrano a mezzo servizio.

Bene, allora, volete chiudere? Fate pure… Peccato che si produrranno lunghe code in Italia e le Forze italiane, coinvolte, dovranno compiere molto lavoro aggiuntivo per affrontare la necessità.

Mi piacerebbe sentire di una causa, intentata contro l’Austria a livello europeo, perché rifondesse i costi e i danni conseguenti: maggiore lavoro di agenti di polizia e dogana, lavoratori del sistema stradale e ferroviario; ritardi nella consegna e ricezione di merci. Chi pagherà tutto questo?
Sembra che la diplomazia, per ora, sia riuscita a ottenere che si limitino a fare più controlli. Ciò non farà che attenuare i problemi temuti, ma non li eliminerà.

Perché tutto ciò? Per evitare che migranti entrino in Austria. Da Schengen e dalla nozione stessa di Europa unita dovrebbe discendere l’idea che una fiumana entrante da Grecia e Italia non sia un problema solo loro, ma europeo.

Altrimenti, l’Europa cos’è? Intendo dire: a parte una lunga serie di norme sui prodotti commerciali; organi amministrativi, mi sembra, più costosi che significativi; complicate valutazioni finanziarie che hanno meno peso del rating di Standard & Poor’s.

Se ci fosse un Einaudi a parlare in Europa, ci fossero un De Gasperi o Adenauer, penso che non si perderebbero dietro alle chiacchiere di cui siamo fin troppo informati dai mezzi di rimbecillimento di massa.

Annunci

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Polemiche e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...