Dubbio

Qualche volta mi sento come Pinocchio: un pezzo di legno che si muove come fosse un bambino, ma in realtà è un pezzo di legno, ontologicamente inanimato.

Spero di diventare come lui, al termine di una vita fatta di strepiti e confusione, senza significato; un umano in carne e ossa, vivo e vero.

Fuggito dal Paese dei Balocchi, scampato a molte morti, essere ciò che già sono ma che non è ancora manifesto.

Annunci

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Cogitazioni, Fenomenologia di me. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dubbio

  1. Miriam ha detto:

    e’ il Già e non ancora….è un po’ triste questo tuo scritto. Se c’è una persona di cui non ho mai avuto dubbi sulla sua umanità sei tu, sia quando ci siamo conosciuti a scuola (lì mi sembravi uno dei personaggi delle poesie di Baudelaire), che da quando ci siamo ritrovati su FB e forse in tutti gli anni in cui ti ho pensato anche senza vederti. Ma non vado oltre perchè quello che tu scrivi è sicuramente più profondo di quello che io capisco. ciao

    • ribaldi ha detto:

      Il fatto è che io continuo a dire che sono autistico ma non mi credono… 🙂 Ho però l’impressione che la vita di cui sento la mancanza sia un qualcosa di più che “mangiare-dormire-provare emozioni-sentire pulsioni”, roba che anche un criceto, ma sento di non averla ancora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...