Forse sognare

Nell’Amleto di Shakespeare, c’è una frase più o meno così: “Potrei essere chiuso in un guscio di noce e sentirmi padrone degli spazi infiniti, se non fosse che faccio brutti sogni”.
L’avevo notata, e fatta mia, già diversi anni fa, ma senza la storia dei sogni. Sognavo, e il verbo è tutt’altro che casuale, di poter capire, sperimentare, vivere insomma, tante esperienze nonostante fossi, ben più di adesso, chiuso in uno spazio angusto. Pensavo a libri, musica, filosofia, emozioni, e come realizzare tutto ciò senza contatti umani era problema che non mi ponevo: insoddisfatto di quelli che avevo senza poi sforzarmi di beneficiarne; incapace di pensare al modo di incrementarli, e sì che la posta esisteva già: abbiamo esempi copiosi di corrispondenze profonde, piene di significato. Ma tant’è: non si può pretendere che un autistico sia sempre furbo…
L’espansione delle esperienze è stata meno ampia del calo di desiderio. Il mio guscio è abbastanza più largo, ma non posso dire di continuare in quel sogno di esperienza che facevo allora.
Recentemente mi sono imbattuto di nuovo in quella frase e ho notato l’ultimo pezzo.
Sì, mi capita di fare brutti sogni. Ho anche capito la connessione fra le due parti della frase; se un risveglio agitato, o scontento, o nostalgico, o impressionabile, mi rovina il mattino, poco fa la soddisfazione che posso trarre nel compiacimento di qualche mia capacità privata. Sembra che qualcuno se la stia ridendo, a vedermi conquistare un altro di quegli spazi infiniti, solo immaginati, mentre resto confinato e il resto del mondo, là fuori, vive per conto suo.
Così, cade il compiacimento di sentirsi padroni di qualcosa, se non ci scampa dai sogni. È sempre Amleto a temere che “sognare, forse” possa precipitarlo in un incubo dal quale non c’è risveglio.

Penso che sostituire la paura della morte con la paura dell’inferno non sia stato un guadagno: se l’inferno assomiglia a certe notti, è una gran brutta condizione.

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Fenomenologia di me e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.