Sazio di giorni

Stavolta elucubro nientemeno che sulla Bibbia! Mi si scuserà se per questi miei ragionamenti mi baso su una traduzione, con tutte le possibili imprecisioni, ma le espressioni ricalcano gli usi del parlato; quindi, siccome non sto facendo sottili analisi scritturali, può andar bene così.

Se si mangia a sazietà, non se ne desidera oltre. Si è soddisfatto il bisogno, ma anche si è gradito il cibo. Leggiamo una formula standard per dire di chi è giunto a una bella età in una vita soddisfacente: morì sazio di giorni. È detto di Abramo, Davide, Salomone, Ioiadà e Giobbe.
Quest’ultimo, però, proclamava anche un altro tipo di sazietà. Si definisce “sazio d’ignominia”, “sazio d’inquietudine” e certo questa sazietà non implica soddisfazione, ma non poterne sopportare oltre. Per sazietà si intende che la misura è colma.
Trovo che Isaia usa “sono sazio degli olocausti” intendendone il fastidio, benché si possa immaginare che non sia cessato il desiderio di olocausti che non infastidiscano. Come chi, avendo fame, si vedesse offrire cibi tanto scadenti da non poterli gradire.
Quando leggo che Nèftali è “sazio di favori”, capisco che ne ha tanti da esserne soddisfatto, ma certamente non passa il desiderio.
Abbiamo dunque il desiderio e il piacere. Ed ecco che il ragioniere in me, aiutato dalla numerazione binaria, ha fatto un bello schemino.

soddisfazionedesiderio
Giobbenono0
Isaia olocaustino1
Abramo e altrino2
Neftali3

Ora, per allargare il discorso, citerò Hemingway, che avrebbe detto “Non si dovrebbe mai desiderare troppo, perché si rischia sempre di ottenere quel che si desidera.” Pessimismo ai massimi gradi, credere che non vada bene NEMMENO quello che si desidera. Se l’avesse detto un qualche maestro zen, ci potremmo ricamare su parecchio, ma rischio di scrivere perle adatte a Facebook e me ne astengo. In questo caso, dobbiamo fare diverse valutazioni, a seconda che il desiderio sia ottenuto o meno, ma anche se si desideri o no. Mi pare che un po’ di desiderio sia considerato tutt’altro che negativamente e perciò ho immaginato che un punteggio positivo si possa, in qualche modo, ottenere. Dato il tono tutto sommato pessimista, penso meriti una classifica a parte.

soddisfazionedesiderio
Hemingway-2
Hemingwayno-1
Hemingwaynono0
HemingwaynoNI0,5

Anche Buddha insegna che il desiderio è fonte di sofferenza, addirittura non importa neppure se venga soddisfatto, ma in questo caso sarebbe perfino peggio. Niente di buono, secondo lui, in questo mondo, quindi non può esserci sazietà.

Tornando alla Bibbia, frugando trovo anche Proverbi 27,7: “gola sazia disprezza il miele”.

Nella Liturgia delle Ore, troviamo: ” A quanti cercano la verità, concedi la gioia di trovarla e il desiderio di cercarla ancora, dopo averla trovata.” il che somiglia alla soddisfazione di Neftali, a cui infine aggiungo: “La sapienza è veramente un ideale a cui si tende senza sperare di raggiungerlo” (Pierre Hadot, Esercizi spirituali e filosofia antica, anche altri passi)

Aggiungo le ultime parti alla tabella (i numeri in fondo sono ormai solo indicativi).

soddisfazionedesiderio
Buddhax-1
Giobbenono0
Isaia olocaustino1
Abramo e altrino2
Proverbi 27,7no2
Neftali3
Liturgia3
Hadotx3

 Si noterà che l’irrilevanza del raggiungimento, nei filosofi descritti da Hadot, è ben diversa da quella di Buddha. È anche decisamente opposta la valutazione del desiderio: quest’ultimo è posto in senso completamente diverso dagli altri, causa di dolore anziché opportunità di miglioramento. Molto ci sarebbe da dire su questo: se, per esempio, anelare alla verità sia conforme a desideri mondani o compatibile con l’Illuminazione; in questo caso si potrebbe prendere la tabella, arrotolarla in modo che la riga inferiore vada sopra alla riga superiore, mandare a rotoli i punteggi e forse, in un improvviso giubilo, capire qualcosa.

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Chiacchiere, Cogitazioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.