L’Europa unita

Adesso ne racconto una.

Sto rivedendo l’ultimo romanzo; il secondo capitolo è una descrizione, prima del quartiere in cui è la sede di lavoro del protagonista, poi della percezione di esso da parte di questi, infine del palazzo stesso.

Mi è venuto in mente il brano “Alla porta del castello”, introduzione a Pelléas et Melisande del finlandese Jean Sibelius, che ho in un disco vecchissimo, diretta dal tedesco Herbert von Karajan. Allora sono andato a cercare notizie dell’opera, fra le quali ho scoperto che il dramma del belga Maurice Maeterlinck è stata musicata più volte, la composizione più celebre essendo quella del francese Claude Debussy. Vuoi non andare ad ascoltarla? Ma nell’elenco trovato c’è un certo Alexander Litvinovsky e naturalmente mi lascio incuriosire. Scopro così che la sua musica gradevolissima è opera di un bielorusso nato nel 1962.

Ah, se solo i potenti ci lasciassero in pace!

Pubblicità

Informazioni su ribaldi

Uno che evidentemente ha ancora tempo libero...
Questa voce è stata pubblicata in Memorabilia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.