Grandi opere

I telegiornali parlano di “emergenza incendi”, con il tono che si potrebbe dedicare a fatti improvvisi e imprevisti. Ma che, non lo sapevano che d’estate i boschi s’incendiano? non succede ogni estate? e non sono quasi sempre dolosi?
Macché, ogni anno come se fosse la prima volta.
Allo stesso modo si sente commentare ogni inondazione, mentre da anni ormai ogni pioggia ne produce, fra una “emergenza siccità” e l’altra, durante le quali si parla di “emergenza idrica” in molti paesi e di danni all’agricoltura. Ogni telegiornale la fotocopia dell’anno precedente.
Tutto ciò ha in comune l’acqua: acqua che manca, che eccede, che serve con urgenza.
Con tutto il parlare di grandi opere, perché non si mette in cantiere la grande opera di dare acqua al nostro Paese?
Non sarebbe il caso di costruire cisterne, là dove serve raccogliere gli improvvisi eccessi? Grandi serbatoi interrati nei quali confluisca almeno un po’ di quell’acqua che altrimenti travolgerebbe abitazioni e persone.
Scorte da cui attingere per irrigare gli stessi campi quando, mesi dopo, avrà smesso di piovere.
I serbatoi servirebbero anche come fonte per lo spegnimento degli incendi, mediante tubazioni per condurla un po’ più rapidamente.
Poi servirà attivare una manutenzione efficiente, non al risparmio come usa e che poi conduce a disastri.
Si dovrà assumere personale qualificato; magari si potranno chiedere le qualifiche necessarie al sistema della formazione, creando una sinergia (benché mi urti usare un termine caro ai politicanti) che faccia bene a scuola e imprese.
Per tutto ciò si dovranno ascoltare i pareri degli esperti di idraulica e geologia, per una volta facendo quello che suggeriscono e non l’esatto contrario. Per una volta prendendo decisioni per la parola degli esperti e non per gli equilibri politici.
Si comincerebbe dagli acquedotti esistenti, affidando la cura e manutenzione, col tempo, alle ditte che dimostrassero di saper lavorare: comincerei escludendo tutte quelle che hanno già fatto lavori difettosi.
Poi si dovrebbero fare ricognizioni sulle aree adatte, anche qui sentendo gli esperti e non domandandosi che amici abbiamo in zona.
Si dovrebbero trovare fondi, certamente. Se ne trovano per salvare le banche e Alitalia, quindi non è un problema.
Nel frattempo, si dovrà vigilare perché i soldi vadano a buon fine, che le opere siano eseguite e bene, che non ci siano infiltrazioni mafiose.
Serviranno delle leggi fatte bene, per esempio stabilendo che una zona agricola non possa mutare destinazione per cinquant’anni dopo l’incendio; oppure istituendo zone di coltivazione destinate al ripopolamento dei parchi devastati.

Rispetto alle modifiche costituzionali, alla costruzione dell’ennesima autostrada, dell’ennesimo impianto sportivo, mi sembra un’idea allettante. Non un’azione fine a se stessa, colla speranza che dia utilità, ma un progetto complesso e capace di trasformare il Paese.

Sono solo idee raccolte genericamente, ma perdinci: non c’è un solo Ministero che abbia esperti, un solo Partito che abbia membri interessati, una sola associazione che possa elaborarne parte?

La città di Matera, finché durò, aveva un sistema di acque semplice ma adeguato alla popolazione; gli Inca costruirono strutture perfettamente drenanti e usarono abitualmente bacini per le esigenze idriche.
Noi, invece, orgogliosi membri del G7, ristretto gruppo dei Paesi più industrializzati del ventunesimo secolo, siamo costretti a sentire gli stessi telegiornali ogni anno.

Annunci
Pubblicato in Cogitazioni, Polemiche | Contrassegnato , , , , , | 4 commenti

Deconn 6/n

Quando ogni cosa sarà connessa, cadranno le barriere anche fra l’esterno e l’interno di un essere umano, non potendosi frapporre quella ovvia che è la solitudine.
Si crescerà solo di messaggi rapidi e continui. Già oggi, l’internet si adegua alla nostra profilazione e questo amplifica l’effetto per cui la rete rimanda, a ciascuno, delle informazioni che confermano nelle opinioni preferite. A regime, il sistema lavorerà su “materiale umano” ancora tutto da formare e sarà quindi composto interamente dagli stimoli di massa inviati da apparecchi di comunicazione ed elettrodomestici. Anzi questa distinzione, con la “internet delle cose”, è caduta, dal momento che una configurazione di dispositivo e un messaggio pubblicitario sono fatti della stessa materia, sono gestiti dalle stesse fonti e servono agli stessi scopi.
Ma non ci saranno solo stimoli, per così dire, in positivo. Sarà possibile, con un meccanismo semplice, agire anche sulla repressione. Si potranno inviare ripetuti segnali di colpevolizzazione, cosa che le antiche prediche neanche per sogno, attraverso messaggi resi efficaci dalle migliori tecniche di controllo mentale. Contemporaneamente si offriranno facili occasioni di trasgressione, si diffonderanno opinioni favorevoli alle stesse azioni che altrimenti sono censurate. Ognuno potrà essere riprovato per qualsiasi atto, ovviamente registrato da qualche parte; si potrà offrire di ciascuno il quadro via via più conveniente ai possessurei dei dati.
Tutto potrà essere contemporaneamente facile e proibito; attraverso campagne mirate, sarà possibile orientare oggi una folla a concedersi un’azione e domani a censurarsi, cogliendo la possibilità di autoassolversi con furiosi linciaggi, virtuali e non, a danno di qualche vittima.
Questa potrebbe essere scelta fra gli inevitabili elementi non perfettamente allineati, oppure scelta a caso, giusto per mantenere alta l’attenzione. Infatti nessuna minaccia mantiene a lungo la capacità di intimorire se non se ne fa sperimentare la concretezza.
Il senso di colpa e l’illusione di potere ogni cosa verranno continuamente proposti. Il risultato sarà una persistente ansia di ottenere, paura di perdere e desiderio di espiazione.

Precedenti:
Deconn 5/n
Deconn 4/n
Deconn 3/n
Deconn 2/n
Deconn 1/n

Pubblicato in Fantazija | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Dubbio

Qualche volta mi sento come Pinocchio: un pezzo di legno che si muove come fosse un bambino, ma in realtà è un pezzo di legno, ontologicamente inanimato.

Spero di diventare come lui, al termine di una vita fatta di strepiti e confusione, senza significato; un umano in carne e ossa, vivo e vero.

Fuggito dal Paese dei Balocchi, scampato a molte morti, essere ciò che già sono ma che non è ancora manifesto.

Pubblicato in Cogitazioni, Fenomenologia di me | 5 commenti

Ipotesi di bufala

AVVISO AI LETTUREI: QUANTO STANNO PER LEGGERE È PURA INVENZIONE

Belli, i papaveri, vero?
Col loro colore che risalta nel verde intenso del grano in germoglio… così adatti ad accompagnare l’oro delle spighe… così velenosi per noi!

Ma cominciamo da lontano, parlando di una piaga sociale. Milioni di persone un tutto il mondo si rovinano e muoiono consumando oppio. L’oppio, vale la pena ricordarlo, genera dipendenza. Anche a piccole dosi. I suoi principi attivi sono uguali a quelli dell’eroina.
Ora, l’oppio è una sostanza naturalmente contenuta nel papavero di cui, da sempre, si fa uso alimentare.
Ma cosa succede se l’uso diventa continuato? Succede che gli effetti pur blandi possono sommarsi, con l’accumulo di sostante tossiche nell’organismo, fino a conseguenze devastanti.

Qualcuno penserà che , siccome non assume alcuna sostanza psicotropa, non corre rischi, e invece non è così. Ci sarà chi crede di stare al sicuro perché ha cura di consumare alimenti biologici, ottenuti senza uso di diserbanti e concimi chimici; ma il pericolo è comunque alto. Il papavero è considerato una pianta infestante, spunta rapidamente e i suoi germogli possono comparire ovunque; i semi possono restare in quiescenza per diversi decenni, nell’attesa di condizioni favorevoli alla germinazione. Le sostanze rilasciate possono essere comunque presenti e produrre effetti.

Ebbene sì, perché fra quella risorsa alimentare che tutti conosciamo e i fiori di papavero avviene un continuo scambio di sostanze. In particolare, gli alcaloidi contenuti dei semi del papavero sono diffusi nell’aria e disciolti nel terreno. Sostanze che non perdono i loro effetti per cui, assunti attraverso semi di papavero o di grano, il risultato è lo stesso.

Qualcuno ricorda la favola “Il mago di Oz”? Ebbene la protagonista, Dorothy, deve ad un certo punto attraversare un campo di papaveri e il risultato è che si addormenta profondamente. Solo per esserci passata in mezzo, figuriamoci se ne avesse assaggiati!

Ma noi, in realtà, è come se ci nutrissimo in continuazione di quei pericolosi semi. Ad ogni folata di vento, ad ogni scroscio di pioggia, piccole quantità vengono disperse e il grano, attraverso gli organi aerei o le radici, li raccoglie e poi, dal momento che non fanno parte del suo metabolismo normale, le accumula. Ciò che non viene raccolto dai coltivatori è ridistribuito nel terreno per andare a gonfiare le ingombranti scorte della produzione seguente.
Così, un raccolto dopo l’altro, veniamo esposti ai deleteri effetti di oppiacei, giunti a noi in modo del tutto imprevedibile e che sembra inevitabile.
Qualcuno, anzi, ha avanzato l’ipotesi che l’aumento di sindromi celiache sia da mettere in relazione al sovraddosaggio di alcaloidi da papavero.

Che fare, dunque, per evitare danni? In primo luogo, è del tutto evidente che bisogna, SUBITO e TOTALMENTE, abolire pane e farinacei dalla propria dieta. Ma non solo: sappiamo che l’uso di granaglie è comune nell’alimentazione animale. È noto l’uso di estrogeni e altri ingredienti chimici, usati da allevatori senza scrupoli per gonfiare le povere bestie; non si è fatta abbastanza informazione, invece, sulle conseguenze che possono sorgere da sostanze, lo ripetiamo, assolutamente naturali, benché alcune ricerche abbiano già dato indicazioni in proposito.
Anche in questo caso dobbiamo ricrederci sulla bontà dell’allevamento naturale perché, paradossalmente, è quello in cui gli alcaloidi assassini possono meglio diffondersi.

Al momento, gli unici alimenti sui quali possiamo contare sono quelli confezionati all’origine. È dimostrato infatti che il tasso di alcaloidi contenuti, per esempio, nelle merendine dei distributori automatici è sensibilmente inferiore alla soglia tossica.
Un’altra risorsa è data dalle catene alimentari specializzate in fast food: notoriamente infatti, produzione e confezionamento avvengono lontano dai luoghi di diffusione della pericolosa pianta.

In conclusione, qualche volta l’apparenza inganna e ciò che gratifica gli occhi può non essere altrettanto gradito al nostro corpo. Fortunatamente abbiamo gli strumenti per difenderlo, con un po’ d’attenzione.

– – – – – –

Ebbene, vi è piaciuto? Ho cercato di scrivere nel più bieco stile bufalaro. Espressioni come: “qualcuno ha avanzato l’ipotesi”, “è dimostrato che” e altre, senza uno straccio di documentazione, dimostrano che si parla per sentito dire o addirittura si sta mentendo. L’uso di termini appena ai margini dello scientifico, come “quiescenza” o “germinazione”, serve per dare parvenza seria a un testo che non lo è o a compiacere chi scrive, oltre a dimostrare che ho scopiazzato da qualche parte. Dovrebbe poi essere prevista la galera per chi scrive “alcaloidi assassini”.
Si usa anche un passaggio di una favola come argomentazione.
Se poi si conclude incoraggiando l’uso di merendine e panini di dubbia fama, il sospetto deve per forza venire… ma magari no.

L’idea mi è venuta passando di fianco a un campo bellissimo, verde e rosso. Chiedo scusa alla natura per l’uso che ne ho fatto.

Pubblicato in Fantazija, Polemiche | Contrassegnato , , | 2 commenti

Nella norma

Oggi sento la notizia d’un’auto incontrollata che a New York uccide e ferisce. Ad un certo punto il presentatore, dando gli aggiornamenti, c’informa che non sarebbe stato un terrorista e commenta parlando di sollievo.
Ah, ci sarebbe da tranquillizzarsi: non si tratta di un altro dei tanti spostati, senza arte né parte, non integrati, asociali, contigui agli ambienti delinquenziali, che ad un certo punto decidono di diventare qualcuno facendo i terroristi; no, si tratta di un altro dei tanti spostati, senza arte né parte, non integrati, asociali, contigui agli ambienti delinquenziali, che ad un certo punto fanno qualcosa di particolarmente devastante.
Mi si spieghi cosa c’è di tranquillizzante nel ricordarci che il Paese più ipernutrito del mondo produce a ripetizione dei disadattati ai quali è facile procurarsi armi per le stragi, droghe e alcolici per ridursi all’incoscienza, potenti automezzi per travolgere passanti, e come posso tranquillizzarmi al pensiero che quella gente si muova non rilevata, quasi nella norma in una società evidentemente contigua, in valori e gesti, ai loro.
Mi si spieghi qual sia la differenza fra un tipo di follia e l’altra e, soprattutto, qual sia la differenza fra chi arma l’una e chi l’altra.

Pubblicato in Polemiche | Contrassegnato , | 2 commenti

Sentiti ossequi

Ieri il presentatore di un Tg si è congedato con queste parole: “La redazione vi ringrazia di aver scelto il nostro giornale”.

I ringraziamenti ci sono sempre, ma questa volta li ho sentiti inutilmente ossequiosi. Mi è sembrato non di passare da un programma all’altro, ma di stare uscendo da qualche bottega d’altri tempi: una sartoria, magari, che ti lascia nel naso un sentore di stoffe; nelle orecchie i rumori ovattati dall’effetto fonoassorbente dei molti abiti esposti, oltreché dai modi signorilmente contenuti dei commessi; negli occhi la varietà di tagli e cuciture e foderami e modelli; sulle dita la sensazione di morbidezza delle pregiate stoffe che una solerte incaricata ha sciorinato.
Tutto il contrario d’un Tg, in generale, e dei servizi visti ieri, in particolare.
Lo considero solo un tentativo, inconsapevole e pure goffo, verso la riduzione d’ogni cosa a commercio, laddove pure le notizie vanno vendute bene affinché siano gradite, nella linea peraltro dell’atteggiamento secondo cui le notizie da dare sono scelte con criteri tutt’altro che obiettivi: quelle che susciteranno clamore; quelle di cui già si parla; quelle capaci di stuzzicare la pancia del pubblico.

Non tralascio l’usanza, per me strana, di troncare il verbo ‘avere’ sempre e comunque. L’italica eufonia tanto è contraria all’ammassarsi di consonanti, basti ascoltare certi dialetti pieni di vocali o notare certi inciampi della parlata come in chi dice “ìnnepese” per intendere la Previdenza Sociale. Invece escono questi ingranaggi poco oliati di erre ed esse e ti, messe insieme; secondo me per la suggestione dell’avere imparato qualche parola di lingue straniere.

Pubblicato in Chiacchiere, Polemiche | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Non l’ultima volta, ma…

Non l’ultima volta, ma in occasione di altre proteste di tassistei ho sentito parlare di “servizio pubblico”.
Non l’ultima volta, dirai, e allora che tiri fuori? Il fatto è che se ne può parlare utilmente, quindi siediti e prendi nota…

Lu tassista non svolge un servizio pubblico; non più deu gelataiu, deu fruttivendolu, deu farmacista.
Il servizio pubblico è, innanzitutto, un servizio, non un commercio. Per commercio intendo anche quelli, fatti da privatei, come le consulenze, i servizi di orientamento professionale, le barberie… insomma, tutte le attività che io svolgo per procurarmi i beni e le risorse per vivere e agire: cibo, vestiti, dischi dei Gentle Giant, una gita al Sacro Monte di Domodossola, il biglietto per vedere The Hateful Eight.
Un servizio pubblico è quando un ente pubblico mette i soldi perché sia fatto qualcosa: lu conducente del tram svolge un servizio pubblico: ha un commercio col Comune per il quale si impegna a condurre il tram e trasportare gente. Fa poca differenza la percentuale di soldi che io pago colle tasse rispetto a quella che pago col biglietto.
Però…
…nella misura in cui sono disposto a chiamare “pubblico” il servizio dei tassistei, posso definire tale anche quello dei gelatai, dei fruttivendolei, dei farmacistei. Cosa c’è di pubblico, chiederai, nel guadagnare soldi? Niente; questo è il modo in cui una persona si procaccia onestamente le risorse per il ragù pronto, per un maglione, per l’anello di fidanzamento, per un telescopio amatoriale. Però.

Perché lu verduraiu già riesce a malapena a fornire ai clientei tutta la frutta richiesta, tra forniturei, affitto e bollette, pulizie; come trova il tempo e i materiali per fabbricarsi un computer, edificare una casa, scriversi i manuali di aerobica?
Ecco che per fortuna c’è altrettanta gente disposta a fare quelle cose. S’intende: a pagamento. È giusto così: non avevo detto che io svolgo un’attività per comprare dischi? Meno male che c’è chi ne produce; ammetterai che mi svolga un prezioso servizio, altrimenti mi ritroverei con dei soldi inutili in mano a canticchiare fra me brani che meriterebbero migliore esecuzione… fino al giorno in cui mi chiederei perché mai abbia passato tutto quel tempo a fabbricare palline da ping pong per guadagnare soldi inutili; smetterei e qualcuno dovrebbe smettere di giocare. Un effetto domino devastante; tutto perché nessuno vende più il mio disco preferito!

Così, ecco spiegata la ragione per cui, dopo avere portato la mia bocca a nu dentista, paghi il servizio e poi dica grazie. Non per quello che mi ha fatto, dal momento che l’ho pagato e bene, ma per il valore aggiunto di un servizio alla mia esistenza.

Per convincersi del fatto che tutto questo discorso meriti attenzione, invito a un semplice esperimento mentale. Andiamo in certi quartieri-dormitorio, con palazzoni enormi e nessun negozio; oppure in cittadine senza più esercizi, “tanto c’è il centro commerciale a venti minuti”. Quindi spostiamoci in quartieri o cittadine dove siano la speçiàia, il bezagnìn, il tabacànte, lo spegasìn, (http://www.zeneize.net/itze/main.asp) e ditemi se non si viva meglio.

Ecco dunque in che senso si può dire che un privato, nel suo commercio, svolga un servizio pubblico: nel qualcosa di più che si attacca fra la merce ceduta o il servizio prestato, e il denaro ottenuto.
È anche un modo per capire se la Pubblica Amministrazione debba incoraggiare o meno certe attività. Sono scelte che fanno una differenza: basare un’idea di assetto urbano sul fatturato o sulla costruzione sociale. Ché il primo è solo l’egoismo privato anche se a guadagnarci è quella che giuridicamente si chiama una “società”. Nel secondo caso, bisogna valutare l’impatto di un’attività privata sul tessuto sociale.
Prendiamo il caso della sanità. Ritenendo necessario migliorare la salute degli italiani, si creò il Servizio Sanitario Nazionale. Si sarebbe potuto finanziare l’apertura di centri privati, con incentivi e rimborsi, e si è fatto anche questo. Si poteva scoraggiare qualche abitudine dannosa alla salute, per esempio tassando alcuni prodotti; o si potevano finanziare facilitazioni a consumi salutari. Tutte iniziative già prese, in un modo o nell’altro.
Naturalmente si deve verificare il risultato: se una Regione spende meno con un intervento che dà risultati buoni, mentre un’altra spende tanto con poca efficacia, allora ricade sull’Amministrazione la responsabilità delle scelte. Queste sono le informazioni che dovremmo avere, per poter votare.
Purtroppo, anche chi può vantare effetti positivi preferisce affidarsi al teatrino delle accuse incrociate, così non ci capiamo niente.

Se, personalmente, sono favorevole al coinvolgimento diretto dei governi in certe attività come trasporti e sanità, ritengo però che l’iniziativa privata non sia, di per sé, un’azione antisociale. Si tratta di sapere cosa favorire.
Tempo fa, lessi di una polemica sulla difesa del patrimonio boschivo. In una foresta, le piante più antiche erano difese per farle durare. Qualcuno sostenne che ciò impediva che la foresta si modificasse liberamente, a detrimento del suo sviluppo e a rischio della sua stessa conservazione. Argomenti che richiedono competenze specifiche e ricerche rigorose e indipendenti.

Certe argomentazioni andrebbero valutate in modo serio. Parlare di “caste” in riferimento a notai, tassisti, gestori di stabilimenti balneari, è un conto; ma bisogna domandarsi se la continuità del servizio non sia un modo per garantire la sua esistenza. Per esempio: se dall’oggi al domani l’esercizio di un’attività accessoria a un bene pubblico (stabilimento balneare, bar annesso a stazione ferroviaria) può essere revocato, allora si può mettere in difficoltà una persona che lo seguiva; una tale insicurezza potrebbe essere affrontata, al massimo, da qualche grossa impresa con molteplici interessi e così ci troviamo a domandarci come preferiamo sia il lavoro: se una quantità di piccole iniziative indipendenti o un’appendice alla finanza anonima. Domande a cui non si può pretendere risposta che occasionale, da parte di un Comune o delle Ferrovie, ma che un partito politico deve considerare e che i cittadini dovrebbero poter valutare. Domande, tengo a notare, che non escludono la possibilità di un disboscamento, quando i vantaggi di privati fossero come funghi e rampicanti che soffocano il bosco (e forse un approccio di tipo ecologico darebbe utili concetti per le risposte).

Perché si possa parlare di “società”, in contrapposizione per esempio ad “alveare”, è necessaria una partecipazione decisionale di qualche tipo. Mentre le api operaie o i fuchi, ma anche la regina, così si trovano a essere e così si conducono, la società dovrebbe essere composta da umani, in cui la percentuale di determinismo e volontà è tuttora questione dibattuta al punto che potrei, come faccio, affermare che in condizioni non estreme c’è ampia libertà di scelta del proprio destino. Ci sono, insomma, diversi protagonisti di questo associarsi: tutti gli individui capaci di sé.

Alcune delle scelte possibili riguardano il valore da aggiungere al proprio lavoro, un valore aggiunto capace di fondare una Repubblica.

Niccolò Fabi – Ha perso la città

Pubblicato in Cogitazioni | Contrassegnato , , , , , , | 2 commenti

Ponti

Il punto di contatto è confine. Il confine spesso non è semplicemente un discrimine fra due zone ma è dato da qualcosa che si frappone, che determina l’essere qua di questo e l’essere là di quello, un elemento far parte di un insieme e un altro far parte di un altro. Difficilmente il discrimine è negli elementi ma è più facile che sia la loro posizione, o la serie di relazioni. Così, nascono le minoranze, le eccezioni: elementi che hanno in comune, con gli altri, dati spaziali o relazioni funzionali, ma insufficienti a farli considerare ‘uguali’, troppe le caratteristiche che li fanno più simili ad elementi ‘al di là’. Se in quell’al di là ce ne sono abbastanza, la minoranza di qua è maggioranza laggiù, questa eccezione può diventare norma, altrimenti la minoranza di qua è minoranza ovunque, la stranezza permane.
I confini sono costantemente superati, prima o poi. Certi confini sono come le membrane delle bolle di sapone, che facilmente si fanno da parte per trasformare in uno quello che prima era due. Altri sono solidi e possono continuare a esistere quando nulla è più contenuto o trattenuto, come le antiche mura di tante città italiane. Tracce di ciò che era, e com’era, e perché, mentre tutto, intorno, si fa beffe degli antichi impedimenti.
I confini naturali possono essere monti, mari o fiumi. Per i monti si aprono valichi; per i mari si varano barche; per i fiumi si erigono ponti.
Le cellule hanno pareti semipermeabili; un ponte è la permeabilità d’un fiume, quando i guadi non soccorrano. Anche una porta è apertura di un confine, anche più immediata perché l’attraversamento non è viaggio. Per attraversare un ponte, invece, serve del tempo; il ponte stesso può diventare luogo a sé, come il Ponte Vecchio a Firenze. Capita spesso, infatti, che un mezzo si trasformi in fine; così il corteggiamento è diventato poesia, con regole proprie diverse da quelle dello scopo primario. È il destino delle attività umane, di diventare cultura.
Una porta può aprire fra luoghi di un uguale interno, o dare su un indifferenziato esterno. Nel primo caso non c’è viaggio; nel secondo, il viaggio comincia appena superata la soglia, ma la meta sta in genere oltre, magari oltre una porta diversa, che si spera aperta.
Non si attraversa una porta che per entrare o uscire. Il ponte, invece, richiede un percorrimento proprio. È un tratto della strada, il risultato e l’esecuzione di una ‘volontà di raggiungere’. Una porta non può non esistere; la sua esistenza è implicata dalla stessa costruzione di cui fa parte. Nulla invece è dato a priori, nell’esistenza di un ponte.
Però la sua esistenza prende senso da due tratti di strada, che a loro volta non avrebbero senso senza di esso. Certo, ci può essere un ponte che si immette in una strada già esistente, dotata di proprie estremità e diramazioni, ma anche in questo caso è istituita una nuova serie di tracciati che hanno bisogno del ponte per esistere.
Un ponte è dunque un elemento attivo e non scontato. Una porta è scontata, al massimo non ne è scontata l’apertura. In ciò è però simile agli ostacoli che gli umani pongono: passaggi a livello, dogane, posti di blocco, dissuasori. E muri: un muro senza porta non esiste. Ne ha la muraglia cinese, ne aveva il muro di Berlino, ne ha il muro in Israele, e ne avrà senz’altro il muro USA/Messico, se mai si farà.
Aprire una porta è concedere ciò che altrimenti si nega. Una strada, però, non ha impedimenti concreati; il ponte è la realizzazione di un collegamento. La permanenza di un ponte è segno di un transito possibile. Il bombardamento del ponte di Mostar fu vissuto come segno di divisione, tanto che averne rizzato un altro, senza una storia e con poca volontà di attraversarlo, non ha ripristinato le condizioni.
Un ponte implica passaggio perché è l’unica ragione della sua esistenza.
Il collegamento fra due persone avviene attraverso atti comunicativi: un suono è trasmesso, un gesto è decodificato, un oggetto è trasferito. Fra gruppi, la comunicazione avviene allo stesso modo ma si aggiungono altre modalità: le forniture di un bene in cambio di un altro, per esempio; oppure il trasferimento di membri, colla generazione di nuove minoranze a rendere sempre più intricate le genealogie umane.
Un ponte è il modo in cui non ci si rassegna alla fine di una strada, si manifesta l’intenzione di andare al di là di un ostacolo, ma principalmente di arrivare in un luogo determinato. La sussistenza di un ponte è condizionata al permanere dell’intenzione che lo istituì.

Pubblicato in Cogitazioni | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Speriamo

In Paradiso, anche gli inganni del diavolo potranno essere goduti, senza danno, in tutta la bellezza escogitata.

Allora si potranno ripercorrere tragitti di una vita amandone le speranze, e forse salvandone alcune.

Pubblicato in Cogitazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Palme a Milano

Palme in piazza Duomo a Milano.
Non mi piacciono, e sapete perché? Per la stessa ragione per cui non mi piace vedere i panda a Helsinki o gli husky a Rapallo. Le palme a Rapallo ci possono stare, perché le ho sempre viste e sono anch’io vittima della sindrome Èsemprestatocosì, una malattia devastante da cui sono affetti principalmente i reazionari, ma non solo.
Anche a Milano, scopro, furono palme. Ma non vale, non è la stessa cosa. Non è come recuperare termini di un dialetto oggi annacquato per ridargli vita. È il recupero del giardino zoologico: a Rapallo, un tempo, presso il Parco Casale c’erano animali a fare un provinciale giardinetto, ma era un corpo estraneo allora e ben peggio sarebbe rifarlo adesso.
È più simile all’idea di Esposizione, di Rassegna etnologica d’antan: “Portiamo qui, dalle estreme propaggini del mondo…”, da un’epoca in cui “le estreme propaggini” erano quasi tutto il mondo e l’Europa era l’ombelico. Esotismo carico di sottintesi culturali e ideologici.
Non è usare i modi della musica afghana in un brano sinfonico; non è usare “così tante note ebree” in una sinfonia di Mahler (è un’espressione di Leonard Bernstein, quindi non rompiamo): è un’opera di Albert W.Ketelbey, un tocco di esotismo per profumare un’ispirazione che saprebbe, altrimenti, di stantio.
Diversi anni fa, tolsero di faccia al Duomo delle enormi insegne pubblicitarie, segno anch’esse, ed eloquente, di un’epoca passata. Lo fecero per il decoro della piazza e mi sembrò giusto. Rimetterle, pur con tutte le spese a carico di privati, non sarebbe una buona idea. Giustamente qualcuno ha chiesto: ma se invece di palme e banani mettevano falli enormi, andava bene perché gratis? (il mio non è un blog serio).
Io dico che le commistioni vanno bene, se utili o fruttifere: muli o mandaranci. Si pescò da quello che si riteneva essere il teatro greco e si inventò il melodramma; si cercarono modi esotici o di secoli andati e rivissuti mitologicamente, li si mescolò ai tempi moderni e nacquero il Liberty e l’Art Déco. In questo caso, criticare sarebbe inutile o dannoso.
Ma sicuramente ci fu qualche Salvinen o Van Der Pen a criticare la Marcia Turca di un certo Mozart, avendo poi un temibile Impero Ottomano alle porte: “Eccolo qui, il giovinastro che vuol fare il progressista, un buonista che strizza l’occhio agli islamici. Vuole vedere i cammelli girare per Schönbrunn!”.
Niente di tutto ciò rischiamo adesso; l’attitudine a polemizzare prende immagini e le rimescola senza criterio. Una logica onirica a muovere gli abitanti una cultura addormentata. E il sogno della ragione…

Pubblicato in Polemiche | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti