Malapianta

Se, come pare, un dirigente andava contento di ‘fare la puttana’, così diceva, per guadagnare sugli appalti del trasporto pubblico, domando: non è che lo stesso metodo ha usato, quella stimabile personcina, per fare carriera e poi mantenere l’incarico?
E quale vantaggio hanno tratto, tutti i suoi superiori, nel tenerlo e promuoverlo? Ritengo doveroso avviare indagini anche su ciò, altrimenti la malapianta non sarebbe estirpata coll’arresto suo e di pochi altri, ma potata; dopodiché crescerebbe ancor più rigogliosa.

Non è questo, ciò che noi patrioti vogliamo. E, considerando i tanti esempi edificanti del genere; vedendo sporcato qualche altro simbolo della mia appartenenza, mi sento un po’ meno patriottico.

Penso che i comportamenti simili denuncino sicurezza interna. Può essere che ci sia complicità; oppure che faccia comodo avere, tra i propri yes-men, persona capace di trarre d’impaccio con disinvoltura; o che sia più facile evitare la concorrenza di qualcuno con armadi pieni di scheletri, poco interessati a migliorare l’azienda. In ogni caso, si deve seguire la storia aziendale del personaggio e diserbare dove necessario.

Pubblicato in Polemiche | Contrassegnato , | 1 commento

Stessa logica

In Francia, un’infermiera che protestava in modo veemente è stata picchiata da quegli stessi poliziotti che hanno permesso ai gilet gialli di mettere Parigi a ferro e fuoco.

Pubblicato in Polemiche | Contrassegnato , , | 1 commento

Rileggere i morti

La cosa è detta in molti modi, ma equivalenti.

Platone riteneva che lo scritto avesse meno forza della parola: se l’interroghi, continuerà a ripetere la stessa cosa.
È vero in parte ma può essere piacevole e rassicurante stare accanto a qualcosa di noto. Non è obbligatorio, e sarebbe anzi deleterio, aver sempre a che fare con la novità assoluta, mutazioni continue ed imprevedibili. All’opposto, l’immobilità è soffocante: impedisce pure di trar vantaggio dall’esperienza.
Pensiamo invece a quanto si possa avere dalla meditazione su quanto letto. Ricordo di avere acquistato, su consiglio di un’amica, un romanzo che poi non mi piacque. Scherzando, le dissi che mi doveva rifondere il costo del libro. La battuta, trattandosi di persona intelligente, ci diede modo di estrarre, dal fresco ricordo, considerazioni che non pensavo. Questo si sarebbe forse potuto ottenere da un’altra lettura, ma io l’ottenni col dialogo: il testo veniva interrogato e rispondeva tramite la parola viva di una persona e questo, appunto, era impossibile al muto scritto, secondo Platone.

Abbiamo perciò uno scritto, che nella sua staticità può rassicurare o deludere, ma è capace ugualmente di permetterci scoperte nuove. Per non parlare di come, nel tempo, cambia chi legge e cambia di conseguenza il risultato della relazione sua collo scritto. Anche sapere già, è un cambiamento.

Ma non di letture intendo parlare.
Si credeva un tempo che i ricordi fossero fissati, ricordare fosse ripetere, la memoria fosse un magazzino. Così non è, pare. Ricordo un fatto: sentire un brano d’altri tempi, mai più frequentato, riversò dietro un’intera epoca, con un sentire d’autenticità di cui altre musiche, con me trascinate lungo i tempi, sembravano prive. Queste erano mutate con me, s’erano svecchiate e contemporaneamente caricate di sensi nuovi; quella era per me restata tal quale, sentita e vissuta come una volta. Naturalmente, un secondo ascolto non ebbe lo stesso effetto.

Ma nemmeno di musica, eccezionalmente, desidero trattare, ma dei ricordi tout court. E di ciò che, in molti modi equivalenti, di alcuni si dice.

C’è chi vorrebbe consolare da un lutto dicendomi che la persona, la personalità o l’anima o come tu la voglia chiamare, non è perduta, ma è semplicemente confluita nell’universo da cui proviene; immortale come esso è. Squallido parallelo con la morte fisica: anche il corpo si dissolve nell’ambiente, ma questa è propriamente la morte; non mi consola immaginare ancor presenti, da qualche parte, le molecole un tempo raccolte a formare una persona cara.
Altri mi dicono che non è andata lontano, è in un altrove temporaneamente irraggiungibile, come fosse nella stanza a fianco. Non vorrei somigliare a certej bimbej capricciosej, dicendo: “Ma io la voglio qui, e la voglio ora!”. Ma è proprio questa la perdita: come quando ti viene un’idea, qualcosa da dire; un ragionamento o una battuta di spirito, e chiami qualcuno per condividere. Devi trovarla adesso altrimenti la battuta si perde, il discorso non è più pertinente e la tua esperienza resta non condivisa. Vorresti poter accedere a quella stanza, aprire una porta o far sentire la tua voce.
Vane, false consolazioni.

Dentro mi porto luoghi e fragranze, emozioni e percezioni. Dentro, parrebbe, ci portiamo un prezioso lascito ed è il ricordo di persone andate. La loro assenza evidente, si dice continuino a vivere in noi. Ora, mi riesce difficile pensare a questi ricordi come a un “loro” in me, in maniera simile a come i ricordi erano concepiti un tempo. Nemmeno mi riesce convincente il parallelo con certa fantascienza, in cui personalità intere vengono implementate in un computer e comunicano in maniera indistinguibile da quando erano realizzate in un corpo umano. Secondo me sono, come tutti i ricordi, fenomeni destinati a mutamenti e rielaborazioni che colla persona morta nulla hanno a che fare, ma dipendono dalla mia esperienza.
Quello che trovo in me, generalmente, è il risonare mio a quanto mi viene da fuori. Non di persone si tratta, ma di quello che me n’è giunto, di quello che sono stato capace ci percepirne; di quello, appunto, che ne ho capito.
Ora che la fonte di quel risonare s’è ammutolita, che nulla di nuovo me ne verrà, fosse pure la ripetizione di parole e gesti, ricerco se non possa trovare le due cose che si cercano in un libro: la tranquillizzante esperienza del conosciuto, la rassicurazione che tutto è ancora lì dove lo conservo: nulla di perso, in realtà; ma anche l’opportunità di riconsiderare un atto, ripensare un tratto del carattere, trovare spiegazioni: perché almeno il ricordo sia vivo e non soltanto persistente.
Ben diceva Platone del libro che, interrogato, non risponde. Interpellate, quelle persone care non replicano. Ma un libro può essere riletto ogni giorno con occhi e mente nuovej, così c’è speranza di avere postumi doni da chi mi manca. Persone ancor vive in proporzione alla vitalità di me che le ricordo.

Pubblicato in Cogitazioni | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Da tempo immemorabile

Una volta non c’era neppure la cognizione che si dovesse preservare un monumento, un’opera d’arte, per la posterità, a parte il delirio di onnipotenza di chi cercava qualche forma d’immortalità, dato il fallimento di Gilgamesh.
Perciò non ci si peritava di cancellare nomi e ritratti di chi risultava sgradito, fosse stato un faraone eretico o un traditore della patria.
Fra libri bruciati, luoghi del culto altrui distrutti, statue abbattute, non si salva nessuno: ogni rivoluzione ha fatto il suo, ogni riforma religiosa o sociale ha contribuito. Come dico spesso, è inutile prendersela coi talebani perché compiono le stesse azioni dei Giacobini o dei regimi sovietici o dei grandi timonieri.
Orwell si limitò ad estendere il metodo, quando immaginava una società in cui la memoria tutta era ricostruita secondo necessità.
Gli abbattimenti recenti di statue saranno anche peccati veniali, ma si pongono in questa linea d’azione; linea che considero assolutamente opposta alla strada per la giustizia.
Si giustifica questo, e si giustificherebbe l’uccisione dei cattivi. Poi, cercando i cattivi, se ne vedranno ovunque e vai colle Inquisizioni e i tribunali del popolo.
A lasciar fare alle folle, questo succede. A cercare il favor popolare, questo si finisce per fare.
Non mi preoccupa la perdita di qualche statua, oltretutto di scarso valore artistico, quanto la perdita di memoria, perché bisogna invece aver presenti i mali del passato, per giudicare del presente.
Certo, è difficile segnare un confine. Fu rimossa in parte la scritta in fronte alla Stazione Centrale a Milano; fu mimetizzata un’effige del Duce in fiancata al Duomo. Se in Berlino ci fosse stata una statua nazista, approverei che l’avessero rimossa.
Quanto più grosso e pesante un mezzo, tanto più arduo farlo deviare o fermarlo. Una massa che prenda gusto ad abbattere, rischia di abbattere al punto da pentirsene, prima o poi.

Pubblicato in Chiacchiere, Cogitazioni | Contrassegnato , , | 1 commento

Leggere

Umberto Eco nel 1992, e George R. Martin nel 2012, hanno entrambi affermato, per citarli in soldoni, che la vita di chi legge è più ricca di quella di chi non legge. Perché, invece di vivere una vita, ne vive molte. Così, è piena una vita di contatti umani più di una solitaria.
Io, che sono un brontolone, gradisco certamente di sentire in me che qualcosa risuona per effetto di letture o esperienze e sono quindi d’accordo, bontà mia, cogli autorevoli autori, però una lettura è, per me, esempio di fatti che non mi accadranno “realmente”. Un conto è sapere che oggi, uscendo di casa, assisterò all’atterraggio di un’astronave; un altro è leggerlo in un libro o vederlo in un film. Diversa l’esperienza, differenti l’emozioni, incommensurabili le conseguenze.
Mi capita dunque, in questa mattina di forti tentazioni autistiche, di stare come tante volte mi capitò, a guardare attraverso la meravigliosa finestra spalancata su pagine di scrittura, accennando immedesimazioni e distinguo verso frasi, situazioni, personaggi interi; immaginandomi al posto di una o l’altra delle figure rappresentate. Si farà bottino di queste esperienze, ne uscirò diverso, diversamente motivato, incline a moti meglio fondati.
Ma ogni volta mi risento nella distanza. Pure ormai contentata la preghiera di avere una vita mia davvero, continuo a frignare per tutte quelle che vorrei avere avuto, mancandomi la certificazione d’essere veramente, benché solo in potenza, quanto mi piacerebbe d’essermi dimostrato, almeno agli occhi miei.

Pubblicato in Cogitazioni, Fenomenologia di me | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Non autorizzato

Ancora una volta, la cronaca scorre troppo veloce per i miei neuroni e così l’opinione arriva in ritardo.

Il fatto: gente si raduna per protestare, restando a distanze conformi a DPCM. Arriva la Polizia e multa tuttej.
Nessunu ha contestato le modalità della riunione; non ha cioè obiettato che le persone erano troppo vicine, perciò non si capisce il motivo della multa.
Io ho una teoria.
Forse i poliziotti hanno confuso lo spirito della norma. Non hanno capito che non ci si può radunare per impedire alle persone di ritrovarsi troppo vicine; si sono fermati all’idea che non ci si possa riunire e le motivazioni, a quel punto, non avevano importanza.
Oppure hanno pensato che quelle motivazioni fossero le stesse per cui, nei secoli, molte volte si sono vietate le riunioni. Principalmente due: per manifestare dissenso e per impedire che idee sovversive fossero condivise.
Che quegli individui avessero già condiviso idee, era chiaro; che le idee fossero sovversive, si capiva dal tono della riunione: che intendessero manifestare dissenso era… manifesto. Non restava loro che sanzionare.
Magari rimpiangendo il fatto di non essere abbastanza numerosi per lavorare di manganello.

Mi sento incoraggiato all’ipotesi da altro assembramento, stavolta davvero sanzionabile ma lasciato a sé. È arrivata Silvia Romano e in tanti hanno giustamente espresso contentezza e un saluto, purtroppo dimenticandosi dell’altro evento che oggidì ci smuove.
Il fatto però che nessuno, fra i membri delle Forze dell’Ordine, sia stato visto disperdere la folla è deplorevole. Come mai è successo? Ebbene: qui non c’era contestazione da reprimere ma, soprattutto, si trattava di un evento mediatico e nemmeno i più arcigni tutori della Legge si sognerebbero di impedire l’impeto delle emozioni in favor di telecamera.

Sono così confermato nell’idea che alla Polizia importi solo impedire le critiche a qualsivoglia governo vigente.

Pubblicato in Polemiche | Contrassegnato , , | 2 commenti

Merde!

Quest’articolo fa il paio con quest’altro.

Su Rai1 a La Vita In Diretta e sul Corriere della Sera a firma Gramellini, è riportata la notizia di un’infermiera a cui, oltre a sputare sangue per l’emergenza, tocca ricevere una lettera anonima in cui l’accusano di mettere la gente in pericolo diffondendo il virus.

Quando avrete voglia di vantare le eccellenze italiane, di sventolare bandiere e cantare inni, vantandovi dei concittadini illustri, ricordatevi di queste merde umane.
E ricordate che:
per un Dante, ci sono milioni di analfabeti, nativi o di ritorno o funzionali;
per un Manzoni, ci sono milioni di anonimi delatori e diffamatori;
per un Garibaldi, ci sono milioni di schifosi che spargono disprezzo e sospetto nei confronti dei VOSTRI compatrioti;
per un Salvo D’Acquisto, ci sono milioni di egoisti che si voltano dall’altra parte o, peggio, che godono nell’infierire sui deboli.

E quando vorrete vantare le bellezze del Paese, ricordatevi:
di tutti i delinquenti che lo devastano, per interesse o per ignoranza;
di chi sporca, inquina, vandalizza;
di chi costruisce abitazioni e impianti in zone inadatte o in maniera pericolosa.

E se citerete la Storia, pensate:
a tutti i vostri compatrioti che la ignorano, se ne fregano o la disprezzano;
che per un Ettore Fieramosca, un Pier Capponi, un Balilla, milioni di persone preferiranno sistematicamente una comoda sudditanza.

Scegliere le merde è un atto antipatriottico, non importa quanti inni si cantino. È come credere di essere un buon cristiano recitando molte Avemarie. Ricordatevi che i veri patrioti sono coloro che compiono qualcosa di utile, non attori, sportivi e modelle. Ricordatevene, quando andrete a votare e, se si riuscirà a trovarne, scegliete chi può migliorare le condizioni di chi lavora e non di chi fa affari sulle nostre teste. E fate uno sforzo per cercarli, perché anche l’ignavia è antipatriottica.
Ricordatevi che i veri patrioti siete voi che tirate la carretta e non quelli che vi sferzano perché acceleriate.

Senza Storia, cultura, arte, scienza, finiremo come Lucignolo, trasformato in asino e messo al traino. Senza questo l’Italia non esiste e “Italia” torna ad essere una semplice espressione geografica. Ma senza virtù civili e morali, l’Italia diventa cosa di cui non ci si può vantare.

Pubblicato in Polemiche | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Plutone (quell’altro)

Ade era, presso i Greci, divinità violenta e temibile. Si preferì parlare di un Plutone che, se da una parte accoglieva i morti, dall’altra lasciava che sua moglie Persefone riempisse la terra di piante e frutti. Se, dunque, a proposito di una regione si poté scrivere che “è Plutone, non Ade, colui che dimora nel regno sotterraneo” a causa delle sue risorse, mi ricordo che “non tutto il male vien per nuocere”, ma anche dei sacrifici necessari a ottenere frutti abbondanti, e che Mammona rappresenta la ricchezza associata al male. Così, alle ricchezze promesse da “un dio dei monti” si preferiranno quelle provenienti dagli inferi. Più vicini, più prossimi all’esperienza umana, che considera normale avere frutto solo se il seme muore.
La fregatura sta nell’apparenza di poterlo controllare: se faccio questo, ottengo quello; del sangue che soddisfi i miei desideri; parole adatte a convincere un potentato, riducendolo sotto il mio controllo; un patto che mi garantisca beni. Quanto rassicurante, confrontato coll’Altro, la cui volontà non è coercibile, che ci chiede Isacco senza nemmeno spiegare il perché!
Molte invece sono le storie di patti stravolti, dalle clausole nascoste, di beni effimeri con pagamento eccessivo.
Sembra allora che il “do ut des” sia norma anche nell’aldilà, ma più probabilmente siamo noialtri a non saper uscire dalle ristrettezze dell’esperienza diretta, tentando di descrivere cose più grandi di noi.

Pubblicato in Chiacchiere | Contrassegnato , | Lascia un commento

Plutone

Capita che, in una famiglia, un nonno ritenga interessante leggere un articolo a proposito della scoperta di un nuovo pianeta del Sistema Solare; il pianeta ancora non ha un nome.
Capita che, a tavola, sia anche una bambina di 11 anni a cui la scuola aveva insegnato i nomi dei pianeti e l’antica mitologia.
Capita pure che questa bambina non percepisca la voce del nonno come un fastidioso rumore di fondo, ragioni sulla notizia e dica la sua: “Potrebbero chiamarlo Plutone”. È il nome di un’antica divinità e ancora non figura fra i nomi dei pianeti.
Capita che il nonno scriva in tal senso a un amico astronomo, che scrisse allo scopritore, che scelse di adottare il nome che il collega aveva ricevuto dal nonno che glielo aveva scritto, sentito dalla nipote che lo aveva suggerito (che al mercato mio padre comprò).
E così il nome di Venetia Burney ha un posticino nella storia dell’astronomia.
Viva le bambine sveglie.
Viva i nonni.
Viva le famiglie in cui si parla.
Viva l’astronomia.

Pubblicato in Chiacchiere, Memorabilia | Contrassegnato , , | 1 commento

Ingenuità

A voler essere ingenui a tutti i costi, la frase: “la mafia aspetta i soldi dell’emergenza” è, privata del contesto e considerata spassionatamente, corretta. Sappiamo degli scandali scoperti ad ogni ricostruzione, delle risate di chi pregustava facili e illeciti guadagni: è facile profezia dire che succederà ancora.
Ma le frasi, contrariamente a una formula matematica, non hanno forma pura se non negli esempi dei libri di grammatica; nella realtà ci arrivano sporche, direi incrostate, di significati e rimandi.
Questa frase viene da un GIORNALE, un giornale TEDESCO. Così, siamo tenuti a interpretarla in modo più complesso: intanto, suona strano che in Germania abbiano usato il termine al singolare; anche non fossero edotti del fatto che da noi, di mafie lato sensu, ne contiamo almeno cinque, dovrebbero considerare le turche, giapponesi, cinesi e russe, quantomeno, e domandarsi se non suscitino altrettanta preoccupazione.
La mia posizione iniziale, perciò, era: se proprio in Germania vogliono preoccuparsi di mafia, così come in Italia c’è chi si preoccupa, e in modo più consapevole, stiano attenti ché l’attacco è su più fronti.

A voler essere ingenui, ci troviamo di fronte all’ennesimo articolo di cattivo gusto, come tanti in Italia. Ma mi viene in mente quella rivista, tedesca, che in copertina mise una pistola in un piatto di spaghetti; i ricorrenti articoli subito prima della stagione estiva, come a voler orientare le vacanze dei compatrioti. Cioè, a voler essere ingenui: in Italia c’è la mafia; per la serie: La Palice vive. Oppure: Italiani = mafiosi; ennesimo esempio di razzismo, e pratica chiusa.
Altrimenti dobbiamo chiederci qual posizione politica, degli amici di chi, sia rappresentata dal giornale, e trarre le conclusioni. Per esempio, notare che le invettive agli “stranieri” vengono dalla stessa parte, in ogni parte d’Europa; che, in Italia, chi solletica la xenofobia è alleato di chi la solletica all’estero, in un gioco al litigio volto, evidentemente, a elevare ciascuno il proprio consenso interno. Troppo simili, certe esternazioni, a quel: terroni = mafiosi, propagandato dal cazzaro, che ora bercia contro i “nemici dell’Italia”.

Un altro modo, più intelligente, di essere ingenui, è dato da pagine (qui una, qui due, qui tre) che esaminano l’articolo prima di gridare. Il tono sommesso, il piano esame dei fatti, suonano difficilmente smerciabili in un panorama editoriale apparentemente pago di riportare la reazione offesa di questo e quello.
Colmo dell’ingenuità! Non rendersi conto che il nemico, a noi antropologicamente inferiore, non ha il diritto di parola che abbiamo noi, tanto più in quanto inversamente orientato, benché cogli stessi ragionamenti.
Massima ingenuità, credere davvero che non ci siano altri intenti che di ammonire contro una possibile mancanza di cautela, non capisco quanto ragionevolmente presunta, del governo tedesco o del consesso europeo.
Si fa presente che una cosa simile è stata detta da Saviano, come a dire che sono argomenti ragionevoli e condivisibili.
Atroce ingenuità, dimenticarsi che quel Saviano è annoverato fra i nemici dai già citati che polemizzano; che quindi un’affermazione, anche solo perché la fa lui, è contestata sicuramente, e il modo si troverà.

Cosa potremmo rispondere, a nu tedescu (o a nu marzianu, se è per questo), se ci rimproverasse di non avere debellato il nostro tumore ma anzi avergli permesso di infettare pressoché tutto il Paese, tutte le classi sociali, tutte le attività pubbliche e private, debordando all’estero?
Basterebbe dirlej che, per debellarlo, molti hanno dato le forze e la vita; che molti, con coraggio ingenuo, apostrofano con un “ammazzateci tutti” quei figuri incapaci di mostrarsi se non cogli attacchi a tradimento; che aziende, ristoranti, negozi, campagne e persone scelgono di sfidare ricatti e minacce, per lavorare nella libertà e legalità?
E basterebbe, questo, perché un governo italiano potesse affrontare le faticose contrattazioni internazionali alla pari e senza complessi?
Speriamo di sì.

Ma questo, solo a voler essere ingenui.

Pubblicato in Cogitazioni | Contrassegnato , , | 1 commento